LA SETTIMANA IN PARLAMENTO: 30 MAGGIO – 5 GIUGNO 2022

La Settimana in Parlamento

Nella seduta di lunedì 30 maggio la Camera ha approvato la proposta di legge: Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale, alla legge 26 luglio 1975, n. 354, e alla legge 21 aprile 2011, n. 62, in materia di tutela del rapporto tra detenute madri e figli minori. Il provvedimento, che passa ora all’altro ramo del Parlamento, punta a promuovere il modello delle case famiglia e ad escludere che le madri con figli conviventi di età inferiore ai 6 anni finiscano in carcere. Si prevede al contempo, in presenza di esigenze cautelari di eccezionale rilevanza, il ricorso agli istituti a custodia attenuata per detenute madri. Previsioni analoghe anche per i padri, qualora la madre sia deceduta o assolutamente impossibilitata a dare assistenza alla prole. La proposta di legge interviene anche sull’istituto del rinvio dell’esecuzione della pena, introducendo delle modifiche, ma soprattutto sulla disciplina delle case famiglia protette che si vogliono promuovere tramite la stipula da parte del ministero competente di convenzioni con gli enti locali (per individuare le strutture idonee).

Nella seduta di martedì 21 maggio ha avuto luogo la discussione generale del testo unificato delle proposte di legge: Disciplina del volo da diporto o sportivo. Il seguito del dibattito è stato rinviato ad altra seduta. Successivamente, l’Aula ha tenuto lo svolgimento di una interrogazione. Per il Governo è intervenuto il Sottosegretario di Stato per l’Interno, Carlo Sibilia.

Nella seduta di mercoledì 1 giugno ha avuto luogo lo svolgimento di interrogazioni a risposta immediata. Per il Governo sono intervenuti: il Ministro per i Rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà; il Ministro per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, il Ministro degli Affari esteri e della cooperazione internazionale, Luigi Di Maio e il Ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani.

Tags: , , , , , , ,

Potrebbe piacerti anche

La lotta all’evasione è una priorità, come anche la tutela dei diritti fondamentali.
834 rifiuti ogni 100 metri di spiaggia. Ci prepariamo a un’altra estate sporca

Devi leggere

Menu