Tutela dei consumatori

1363797604590_acea-517x400

Dopo avere appreso da fonti giornalistiche che i gestori del servizio idrico ACEA ATO5, Viver ACQUA SCARL, ACEA ATO2 e ACQUE SPA, hanno pubblicato, per la riscossione coattiva delle tariffe del servizio idrico integrato, ovvero delle relative morosità, bandi in violazione di norme di legge, ho depositato un’interrogazione .

Tanto che la procedura di selezione non ha previsto la pubblicazione del bando di gara, ma esclusivamente procedure negoziate su invito. Solo in Veneto si è proceduto ad effettuare una pubblicazione sulla gazzetta ufficiale europea; la particolarità di tale metodo di riscossione è che il gestore, senza passare per un tribunale, o un giudizio, ottiene direttamente un titolo esecutivo per procedere alla riscossione delle voci tariffari ovvero delle morosità.

Nell’ATO 2 di Roma l’affidamento è avvenuto alla società Equitalia, l’ufficio legale dell’Associazione CODICI, guidato dall’Avvocato Carmine Laurenzano, ha presentato anche altri ricorsi amministrativi e una segnalazione all’Antitrust contro la decisione dell’azienda Acea e di altri gestori di affidare ad un soggetto terzo la riscossione delle bollette insolute tramite l’ingiunzione fiscale.

Nei ricorsi avanzati dall’Associazione si fa preciso riferimento alla sentenza della Corte Costituzionale n.335 del 2008. In particolare, da un’attenta lettura delle normative che disciplinano il settore, si desume che l’emissione dell’ingiunzione fiscale è riservata ai soli enti pubblici. Da qui la considerazione di come non si possa estendere a società private il servizio. Inoltre, la natura stessa della tariffa del SII comporta che la sua riscossione debba avvenire esclusivamente con i mezzi ordinari civilistici.

images

Dopo i vari ricorsi  Equitalia fa un passo indietro, ma quello che chiediamo al Ministro è:

“se non intenda assumere un’immediata iniziativa normativa che chiarisca definitivamente l’impossibilità per soggetti privati, di far uso delle procedure di riscossione descritte in premessa a tutela dei consumatori e degli utenti”.