Invitalia e l’ansia del ri-finanziamento

imageOggi (29 sett 2015) in commissione attività produttive finalmente – perchè ormai questo Governo snobba la X° commissione e spesso “ci dà buca” – il Sottosegretario ha risposto a tre interrogazioni poste da alcuni deputati su un argomento che mi sta molto a cuore, per il quale mi sono battuta anche nei mesi scorsi e che ho seguito oggi in commissione pur non avendo presentato un’interrogazione a mia firma (che sarebbe stata solo una copia e non lo ritenevo utile).

L’oggetto della questione è Invitalia che, vi ricordo, è l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, di proprietà ministeriale. I suoi compiti sono definiti dal decreto legislativo n.185/2000 e mirano a dare impulso alla crescita economica del Paese, puntare sui settori strategici per lo sviluppo e l’occupazione ed impegnarsi nel rilancio delle aree di crisi. Opera soprattutto nel Mezzogiorno.

Ogni anno, puntualmente, si ripresenta sempre lo stesso problema: il fondo da cui attinge Invitalia si esaurisce e bisogna pressare affinchè il Governo lo ri-finanzi.

Si sa, i fondi del D.Lgs. 185/2000 hanno fatto nascere tante aziende, piccole e medie. In molti ne hanno approfittato ottenendo fondi non dovuti per realizzare cattedrali nel deserto. Altri, invece, e ce ne sono veramente tanti, hanno utilizzato i fondi per autoimpiegarsi e dare anche lavoro ad altri disoccupati.
Invitalia ha i suoi punti oscuri ma consiste in una delle poche fonti di finanziamento per gli imprenditori del sud e inoltre, leggendo bene il loro bilancio, le attività portate avanti dall’Agenzia sono ben avviate e danno buoni risultati.

Perchè allora non far diventare questo finanziamento una voce certa del nostro bilancio? Perchè dobbiamo assistere ogni anno a questa giostrina?

Il succo delle interrogazioni di oggi era proprio questo: rifinanzierete il fondo o no?
La risposta – in gran parte superflua – è stata semi-positiva perchè, in sostanza, dice che esiste la volontà del Governo a rifinanziare il fondo ma non sanno dove trovare i soldi… ma come?!?!? non trovano i soldi?

Come i vari commissari della spending review hanno scritto in più di un report, esistono moltissime voci che potrebbero essere tagliate perchè sono solo sprechi di denaro pubblico, prima tra tutte la voce degli stipendi dei parlamentari e il loro numero.

imageEcco, noi i soldi li troveremmo cosi e non solo per finanziare il fondo di Invitalia ma anche per alleggerire la pressione fiscale delle imprese, per aumentare la dotazione del fondo per il microcredito e intraprendere il nostro reddito di cittadinanza.