Gran Sasso: un provvisorio incarico effettivo!

La mia ultima interrogazione  è indirizzata al Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, al Ministro dell’economia e delle finanze.

gransasso

 

Per denunciare che in Italia proroghe o incarichi provvisori non possono diventare cariche a tempo indeterminato, infatti nell’Ente parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, l’incarico provvisorio di dirigente del parco affidato a  Maranella  nel lontano 2004 per soli tre mese è stato prorogato per 28 volte, DICO 28 VOLTE .

Eppure il direttore del parco dovrebbe essere  nominato con decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare,  scelto in una rosa di tre candidati proposti dal consiglio direttivo tra gli iscritti a un albo di idonei a cui si accede mediante concorso per titoli;

Il Signor Maranella sostiene che   la procedura dell’albo è una prassi ormai superata, anche se da quello che leggiamo sembra che la legge sui titoli dei direttori non è stata modificata, non si ha neanche la sicurezza che Maranella sia iscritto all’albo.

MARANELLA

 

COSA CHIEDIAMO?

* se corrisponda al vero che tale albo al momento delle proroghe era superato come sostiene il direttore facente funzioni e se nelle procedure amministrative esista la categoria delle norme «in disuso», visto che;se risulti anche sulla base degli atti depositati, con quale atto il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, quale ente competente alla nomina del direttore, abbia ufficialmente annullato la procedura di selezione avviata nel 2004;

* se ritenga la delibera del presidente del parco 18/2013 valida, sulla base della competenza ministeriale, ai fini dell’annullamento dell’intera procedura avviata nel 2004;

* ammessa e non concessa la validità amministrativa della deliberazione 18/2013 del presidente Diaconale;

* quali siano i motivi per i quali tale nuova procedura non sia stata attuata;

* quali siano le motivazioni che hanno portato, nelle more dell’espletamento della nuova procedura di selezione, a nominare nuovamente il dottore Maranella, in qualità di direttore facente funzioni e non un soggetto avente almeno tutti i titoli, ivi compresa l’iscrizione all’albo.